Irpinia Job


Portale del Settore Lavoro e Formazione della Provincia di Avellino

Tempo determinato

Definizione

E' consentita l'apposizione di un termine al contratto di lavoro subordinato di durata non superiore a 36 mesi.

Nel calcolo dei 36 mesi si tiene conto sia dei contratti a tempo determinato conclusi per lo svolgimento di mansioni di pari livello e categoria legale (operaio, impiegato, quadro) sia dei periodi di somministrazione aventi ad oggetto mansioni equivalenti.

Superato il limite dei 36 mesi il contratto si considera a tempo indeterminato. In deroga al limite di 36 mesi è possibile stipulare un ulteriore contratto della durata massima di 12 mesi  presso la Direzione Territoriale del Lavoro competente per territorio.

Se non si rispetta tale procedura e termine di 12 mesi il contratto si trasforma a tempo indeterminato dalla data di stipulazione

Divieti di stipula del contratto a tempo determinato per:

  • sostituzione di lavoratori in sciopero;
  • presso unità produttive nelle quali ci sia una sospensione del lavoro o riduzione di orario con trattamento di integrazione salariale riguardanti lavoratori adibiti a mansioni cui si riferirebbe il contratto a termine;
  • presso unità produttive nelle quali si è proceduto nei sei mesi precedenti a licenziamenti collettivi che hanno riguardato lavoratori adibiti a mansioni cui si riferirebbe il contratto a termine (deroghe per contratti di durata iniziale inferiore a tre mesi, in sostituzione di lavoratori assenti o in mobilità);
  • imprese che non hanno effettuato la valutazione dei rischi ex art.4, Legge 626/1994.

In questi casi la sanzione è la trasformazione a tempo indeterminato.

Proroghe e rinnovi

Le proroghe sono ammesse fino a 5 volte (nei 36 mesi). Se si supera tale limite il contratto è considerato a tempo indeterminato dalla sesta proroga.

Nel caso di riassunzione tra un primo e un secondo contratto deve passare l’intervallo di 10 giorni se il primo contratto durava fino a sei mesi e 20 giorni se durava più di sei mesi. Se non si rispetta questa regola il secondo contratto si considera a tempo indeterminato.

Tali regole non si applicano per le attività stagionali, per le ipotesi individuate dai contratti collettivi e per le imprese start up innovative per i primi 4 anni dalla costituzione della società.

Se il rapporto di lavoro continua dopo la scadenza del termine il datore di lavoro è tenuto a riconoscere al lavoratore una maggiorazione della retribuzione pari a 20% al giorno per i primi 10 giorni e 40% al giorno oltre il decimo giorno.

Inoltre se il rapporto di lavoro continua oltre il 30esimo giorno per i contratti di durata inferiore a sei mesi ovvero oltre il 50esimo giorno per i contratti di durata uguale o superiore a sei mesi, il contratto a tempo determinato si trasforma in indeterminato dalla scadenza di questi termini (31° e 51° giorno).

Numeri complessivi di tempi determinati

I contratti a termine non devono superare il 20% dei lavoratori a tempo indeterminato in forza al 1° Gennaio dell’anno di assunzione (tale limite è derogabile dal Contratto Collettivo Nazionale Lavoro anche aziendale).

Per i datori di lavoro da zero a 5 dipendenti è sempre possibile comunque stipulare un contratto a termine.

Tale limite non riguarda la fase di avvio di nuove attività, le attività stagionali, spettacoli (ad eccezione delle fondazioni musicali e lavoratori temporanei per mostre, eventi e manifestazioni di interesse culturale), lavoratori over 50, sostituzione lavoratori assenti e per le imprese start up innovative.

Inoltre non vale per istituti pubblici e enti privati di ricerca, università per attività di ricerca, insegnamento.

Sanzioni per violazione del 20%: -50% della retribuzione per ciascun mese o frazione di mese superiore a 15 giorni di durata del rapporto di lavoro.

Diritti di precedenza

Il lavoratore che, nell’esecuzione di uno o più contratti a termine presso la stessa azienda, abbia prestato attività lavorativa per un periodo superiore a sei mesi ha diritto di precedenza, fatte salve diverse disposizioni di contratti collettivi stipulati a livello nazionale, territoriale o aziendale con le organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, nelle assunzioni a tempo indeterminato effettuate dal datore di lavoro entro i successivi dodici mesi con riferimento alle mansioni già espletate in esecuzione dei rapporti a termine.

Il lavoratore assunto a termine per lo svolgimento di attività stagionali ha diritto di precedenza, rispetto a nuove assunzioni a termine da parte dello stesso datore di lavoro per le medesime attività stagionali. 

Il diritto di precedenza di cui sopra può essere esercitato a condizione che il lavoratore manifesti in tal senso la propria volontà al datore di lavoro entro sei mesi nel primo caso e tre mesi  nel secondo caso dalla data di cessazione del rapporto stesso e si estingue entro un anno dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.

Il datore di lavoro è tenuto ad informare il lavoratore del diritto di precedenza per iscritto.

Diritto di precedenza per le lavoratrici madri

In relazione al diritto di precedenza previsto a favore del lavoratore a termine che abbia lavorato per più di 6 mesi, per le assunzioni a tempo indeterminato nella stessa azienda entro i successivi 12 mesi, il periodo di maternità (astensione obbligatoria) concorre a determinare il periodo di attività lavorativa utile a conseguire il diritto di precedenza.

Alle medesime lavoratrici è inoltre riconosciuto il diritto di precedenza anche nelle assunzioni a tempo determinato effettuate dal datore di lavoro entro i successivi 12 mesi per le stesse mansioni.

Il datore di lavoro è tenuto ad informare la lavoratrice del diritto di precedenza per iscritto.

Il diritto di precedenza di cui sopra può essere esercitato a condizione che la lavoratrice manifesti in tal senso la propria volontà al datore di lavoro entro sei mesi dalla data di cessazione del rapporto stesso e si estingue entro un anno dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.

Esclusione della disciplina del tempo determinato sopra descritta

Non si applica nei seguenti rapporti di lavoro:

  • rapporti instaurati ai sensi dell'art.8 comma 2, Legge 223/1991: contratti a termine inferiore a 12 mesi per i lavoratori iscritti nelle liste di mobilità;
  • i richiami in servizio del personale volontario del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco;
  • rapporti di lavoro tra datori di lavoro in agricoltura e operai a tempo determinato;
  • lavoro nel turismo e nei pubblici esercizi per l'esecuzione di speciali servizi di durarata non superiore a tre giorni;
  • contratto a termine stipulato con i dirigenti della durata massima di cinque anni;
  • rapporti a tempo determinato per supplenze del personale docente e ATA e personale sanitario

 

Menu di pagina
stampa la pagina  stampa la paginatorna su torna su
Bookmark and Share« indietro

News

Offerte di Lavoro

Garanzia Giovani

Centri per l'Impiego

Centri per l'Impiego


vai alla pagina dei Centri »

Social Network

Servizi al Cittadino